Recensione: Arcane Legends per Android

Di - 22 January 2013 - in

Ad introdurre questa nuova rubrica di Engeene dedicata ai videogiochi prodotti per Android, analizzeremo Arcane Legends, un MMORPG free to play sviluppato dall’affermata software house Spacetime Studios, già nota per il suo giocatissimo Pocket Legends ed i più recenti Star Legends e Dark Legends.

Innanzitutto è bene specificare il genere a cui appartengono i suddetti titoli: per i meno avvezzi di videogiochi, MMORPG significa massively multiplayer online role playing game, ed in sostanza è un genere che trasla le meccaniche basilari di un RPG single player, in un mondo online massivo. Tale tipologia di prodotti appartiene propriamente al mondo dei personal computer, e da tempi più recenti si è espanso con alcuni titoli al settore delle console casalighe e persino all’ambito mobile.

Primi passi

Prima di entrare nel vivo dell’azione, all’utente verrà richiesto di creare un account per Arcane Legends. A facilitare il login al gioco, sarà possibile utilizzare il proprio account Facebook o Google, evitando così di registrare un apposito account per il titolo. Conclusa la registrazione, si verrà catapultati alla schermata di creazione del personaggio. Il giocatore potrà scegliere fra tre semplici classi, ossia guerriero, ladro e mago, oguna con le sue peculiare caratteristiche. La caratterizzazione del personaggio non permette di modificare molteplici parametri, e si limita alla scelta di un paio di volti per classe e qualche taglio di capelli. Le tre classi, sfortunatamente, sono gender locked, ed il mago è ristretto ad una razza non umana. Successivamente, assieme al nostro alter ego digitale, dovremo scegliere uno fra i tre pet che ci vengono presentati. I pet rappresentano una feature di rilievo in Arcane Legends, poiché, oltre ad aiutarci attivamente in combattimento, incrementano determinati attributi del nostro personaggio.

Una volta creato il nostro avatar, verremo introdotti al gioco da un breve filmato, nel quale dei temibili goblin razziano e devastano un villaggio. A questo punto entriamo in scena noi, l’eroe di turno pronto a spazzare via orde di nemici assetati di sangue. Sia ben chiaro che la storia di Arcane Legends non presenta particolari incentivi ad essere letta, anche se, per via della sua semplicità, può essere compresa facilmente dai meno anglofoni.

I controlli sono elementari e immediati, di facile fruizione sia su tablet che su smartphone. A sinistra troviamo un pad utile al movimento del personaggio, mentre a destra è presente il tasto di attacco rapido, che se tenuto premuto rilascia un attacco più potente, e accompagnato subito affianco da una skill bar dove verranno raccolte le nostre abilità attive. Il combattimento è anch’esso molto basilare, privo di auto-attack e classico di gran parte degli hack’n slash simili a Diablo.

Perché in compagnia è meglio

Essendo un MMORPG, Arcane Legends offre varie opzioni social, tra le quali troviamo ovviamente canali di chat pubblici e privati, la possibilità di aggiungere amici, creare gilde e formare party nel corso del nostro cammino. La struttura lineare delle istanze è fatta in modo tale da incitare alla cooperazione con altri giocatori presenti in loco, e per questo è possibile creare in qualsiasi momento un party composto dagli utenti presenti nella nostra zone. Alcuni nemici e particolari boss saranno molto difficili da abbattere in solitaria, ed inoltre il livello di sfida dell’istanza sarò proporzionale al numero di giocatori presenti in essa. Per tale ragione è sempre meglio cooperare assieme ad altre persone piuttosto che tentare un approccio solitario contro temibili avversari.

Per quanto riguarda la longevità, Arcane Legends offre 15 istanze che però, una volta raggiunto il level cap al 20, possono essere rigiocate in modalità elite, in modo tale da aumentare la difficoltà complessiva della zona. Inizialmente il nostro eroe riceverà le prime quest in una cittadina colma di giocatori, mentre i combattimenti si svolgeranno in altre istanze, facilmente raggiungibili grazie ai teleport della mappa generale, e ai portali presenti nelle varie aree. Ogni istanza presenta inoltre una mini mappa, seppur non ne risulti sempre necessaria la visione data la particolare linearità delle zone.

Per quanto concerne invece la crescita del nostro personaggio, sarà possibile aumentare ad ogni nuovo livello i parametri forza, destrezza e intelligenza, e sbloccare nuove skill passive e attive. Ogni classe disporrà di 8 nuclei di abilità principali, ognuno contenente 5 talenti al suo interno, utili ad indirizzare la classe stessa verso diverse specializzazioni. Se pensiamo ad esempio al guerriero, sarà possibile aumentarne determinate skill in modo tale da trasformarlo in un tank piuttosto che in un warrior orientato al damage per second. Infine è possibile personalizzare a proprio piacimento l’equip, equipaggiando diverse tipologie di armi, elmi, armature, anelli, amuleti, ognuno di essi specifico per una determinata classe. Malgrado il gioco sia un titolo indirizzato al settore mobile, e per tale ragione ne derivino ovvie limitazioni tecniche, ogni pezzetto del nostro equipaggiamento sarà ben visibile sul nostro avatar.

Nota di merito allo sviluppo del nostro pet, anch’esso collegato a proprie abilità e caratteristiche. Come già detto essi ci accompagneranno lungo tutta la nostra avventura, aiutandoci attivamente durante i combattimenti. Sfortunatamente alcuni dei numerosi pet presenti in gioco saranno acquistabili solo tramite item shop, pagando in soldi reali.

Tecnica

In ultimo è bene trattare gli aspetti tecnici che caratterizzano l’MMO di Spacetime Studios. Il titolo è stato testato su un Huawei U8800 Pro, uno smartphone dotato di un processore Qualcomm da 1 GHz e sistema operativo Android Jelly Bean. Graficamente il prodotto risulta essere gradevole e dettagliato, e riesce a gestire in maniera abbastanza buona il consistente numero di giocatori su schermo, anche su un device di fascia medio-bassa con hardware simile al dispositivo di prova. Le animazioni dei personaggi sono ben fatte, i modelli sono di buona fattura e lo stile cartoonesco si sposa bene con l’atmosfera scanzonata del titolo.

Il sonoro al contrario è di scarsa qualità, con effetti e musiche non sempre all’altezza. Specifichiamo comunque che Arcane Legends, pur essendo un MMORPG, occupa meno di 50 MB della nostra memoria telefono, un peso contenuto, per un titolo che comunque offre, nella sua semplicita, un numero discreto di contenuti.

Conclusione

Tirando le somme, l’MMORPG Arcane Legends risulta essere un’ulteriore conferma sulle buone capacità di Spacetime Studios in ambito gaming mobile. Arcane Legends è un titolo semplice ed immediato, con un combattimento hack’n slash frenetico ed un sistema di crescita del personaggio (e del nostro pet) elementare ma comunque coinvolgente, ottimo per un prodotto “mordi e fuggi” pensato al settore smartphone e tablet.

Le caratteristiche social tipiche di ogni MMO sono presenti anche in Arcane Legends, inclusi party e gilde. Tuttavia, la linearità delle istanze, la mancanza di una varietà d’azione nei combattimenti, e l’assenza di un vasto mondo tipico della gran parte degli MMO, rendono Arcane Legends un gioco difficilmente comparabile a molti dei prodotti sviluppati per personal computer. Piuttosto, è meglio intendere il prodotto in questione come un RPG hack’n slash in cooperativa, incorniciato da alcune feature social comuni al genere MMORPG.

Per tutti coloro che fossero alla ricerca di un videogioco impegnativo e longevo, di certo Arcane Legends non offrirà l’intrattenimento voluto, mirato piuttosto ad un pubblico casual, che preferisce colmare una decina di minuti liberi in compagnia di altre persone online.


Pro:

  • Tutte le feature base di un MMORPG, compattate in un titolo mobile
  • Graficamente appagante
  • Pet system
  • Semplice ed immediato
  • Giocabile anche su PC tramite Chrome

Contro:

  • Ripetitivo
  • Solo tre classi
  • Audio scadente
  • Molto casual

Voto: 7.5

Leave a Reply

Riccardo Rizzo Articolo scritto da

Studente di informatica a Padova, appassionato di tecnologia, videogiochi e musicista a tempo perso.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: