Rilasciata la nuova serie di Chromebook e Chromebox

Di - 30 May 2012 - in

Quasi quattro mesi fa vi avevamo riportato la notizia che era in corso la progettazione di una nuova serie di dispositivi Chromebook.
Ora sappiamo che questa notizia era veritiera poiché ieri sera è stato annunciata la nuova iterazione di computer Chromebook.
L’annuncio è avvenuto, in modo curioso, a partire da un Haiku che vi riportiamo di seguito così come è stato concepito in lingua inglese:

Last year we announced
a new kind of computer
This is the next step

Venendo all’aggiornamento di oggi, questo non riguarda solo ed esclusivamente l’aspetto hardware dei dispositivi, ma si estende a tutto l’ecosistema Chromebook. Vediamo le cose una alla volta.

Nuovi dispositivi

Samsung, già partner di Google per la prima serie di Chromebook, ha lanciato un nuovo computer Chromebook e, per la prima volta, Chromebox, un’unità Chrome OS compatta che può essere collegata, via USB, alle normali periferiche quali tastiera, mouse, monitor, stampante, ecc…
Per quanto riguarda le caratteristiche della Chromebox, le vediamo di seguito riassunte:

  • Processore Intel® Core™
  • 4 GB RAM
  • dual-band WiFi 802.11 a/b/g/n
  • Gigabit ethernet
  • 6 porte USB 2.0
  • 2x DisplayPort++ (compatibili con HDMI, DVI, VGA)
  • DVI single link output
  • Bluetooth 3.0™
  • Kensington™ key lock

Il nuovo Chromebook invece è un Samsung Series 5 550 dotato delle seguenti caratteristiche tecniche.

  • Display 12.1″ (1280×800)
  • Peso 1.48 kg
  • 6 ore di uso continuo
  • Processore Intel® Core™
  • 4 GB RAM
  • dual band Wi-Fi 802.11 a/b/g/n, Gigabit ethernet, e 3G modem (opzionale)
  • Fotocamera HD
  • 2 porte USB 2.0
  • 4-in-1 slot per memory card
  • DisplayPort++ Output (compatibile with HDMI, DVI, VGA)

Dalla fotografia possiamo notare che, oltre alle caratteristiche tecniche, anche il design è stato molto migliorato con una linea più moderna e accattivante.

Chromebook-Samsung Series 5 550

I nuovi dispositivi sono all’incirca tre volte più veloci della serie precedente e sono dotati di hardware con migliori prestazioni, cosa che dovrebbe garantire un’esperienza dell’ambiente Chrome più soddisfacente. Come sappiamo, l’intera piattaforma Chrome è in continuo fermento, con aggiornamenti tecnologici e nuove possibilità di utilizzo che si susseguono senza sosta e che permettono di fare cose, attraverso un browser, completamente impensabili fino a poco tempo fa. Per esempio, solo per citare un uso che esprime il massimo della tecnologia in questo ambito, abbiamo visto che, grazie anche alla nuova piattaforma Native Client di Google, è ora possibile far girare giochi complessi, dal punto di vista grafico e dell’utilizzo del processore e delle memorie, direttamente nel browser.

Novità del Sistema Operativo

Per quanto riguarda le novità lato software intanto abbiamo la nuova interfaccia desktop, già annunciata da tempo con il nome di Aura, che permette un uso più semplice, soprattutto per quanto riguarda le applicazioni Chrome.

Google Drive è ora integrato direttamente nel Sistema Operativo e permette quindi la gestione diretta dei file di produttività (compresi quelli redatti con la suite Microsoft Office) dal Chromebook che, in modo del tutto trasparente, vengono aggiornati online sul cloud. Nelle prossime settimane verrà inoltre abilitata la versione offline di Google Docs, cosa che renderà ancora più completa l’esperienza d’uso.

Dal punto di vista dell’intrattenimento è stato migliorato il media player ed integrato un editor per le fotografie.

Altra cosa molto interessante e che rende la piattaforma ChromeOS ancora più vincente, è la possibilità integrata di connettersi in modo remoto sicuro a pc Windows e computer MAC, attraverso l’uso della tecnologia video open source di Google VP8. In questo modo sarà possibile lavorare da remoto per compiere quelle operazioni e utilizzare software specifico che non è possibile eseguire da Chromebook.

Per ora la nuova linea di Chromebook e Chromebox è disponibile solo negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, ma presto la disponibilità verrà estesa ad altre nazioni tra cui, immaginiamo, l’Italia.

Fateci sapere qui sul sito, oppure nella nostra pagina ufficiale di Google Plus, che cosa ne pensate di questa, secondo noi vincente, piattaforma informatica di Google.

Vi lascio di seguito ad un video che presenta la nuova iterazione dell’ecosistema ChromeOS.

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene. Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: