Rumor: The next Nexus

Di - 3 October 2012 - in

30 giorni. Dovrebbe essere questo il limite di tempo massimo prima di vedere il nuovo smartphone della famiglia Nexus. Il tanto atteso successore del Galaxy Nexus è prossimo al suo debutto in società.
La cosa strana è che non si sentono troppi rumors. Il che è un brutto segno, dato che all’avvicinarsi della presentazione dovrebbero susseguirsi diverse voci riguardo le caratteristiche del nuovo terminale di Google. Andy Rubin (CEO di Android Inc.) potrebbe mostrare il nuovo Nexus durante l’AllThingsD: Dive Into Mobile che si terrà il 29 ed il 30 Ottobre. È la stessa conferenza durante la quale fu presentato Android 3.0 insieme al Motorola Xoom nel 2010.

Una cosa sembra certa, il nome del produttore che Google ha scelto per il suo smartphone. Dopo la collaborazione con Samsung, che ha portato alla nascita del Nexus S e del Galaxy Nexus, il nuovo partner pare possa essere LG. La mossa potrebbe portare un po’ di malcontento tra i Nexus users, abbastanza affezionati alle cure che Samsung riservava loro. Senza contare le numerose lamentele che si è soliti ascoltare tra i possessori di terminali LG. La base del nuovo Googlefonino dovrebbe essere quella dell’LG Optimus G.

Negli scorsi mesi si vociferava che non ci sarà un modello unico, bensì diversi Nexus, costruiti da più produttori. Non si hanno ancora conferme in merito, ma sicuramente Google non sta preparando un solo terminale. Potrebbero essere presentati anche un Nexus 7 3G, un Nexus 10 ed un Galaxy Nexus rivisitato come entry level.

Ovviamente il tutto sarà condito dalla nuova versione del sistema operativo, che però non dovrebbe essere una main release (5.0) ma un miglioramento di Jelly Bean. Dunque potremmo vedere un nuovo LG Nexus accompagnato da Android 4.2. Le nuove feature di questa versione andrebbero a migliorare diverse parti del sistema. Funzionalità avanzate per dialer, fotocamera e mappe, oltre al login multiutente (come avviene già nel browser Chrome) ed il supporto nativo per standard di visualizzazione wireless come Miracast.

Fonte | Android and Me

Leave a Reply

Vincenzo Cimmelli Articolo scritto da

Studente di Informatica presso l’Università Federico II di Napoli. Utilizzatore dei servizi Google da diverso tempo. Particolarmente attratto da Android, di cui è un fiero utilizzatore. Amante del mondo GNU/Linux, la sua distribuzione attuale è Debian Wheezy con Gnome Shell. Sognatore per natura, spera di riuscire a realizzare almeno uno dei progetti stipati nel suo cassetto.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: