Spark, un nuovo ambiente di sviluppo web-based

Di - 9 December 2013 - in
Post image for Spark, un nuovo ambiente di sviluppo web-based

Il team di chromium, nella persona di +François Beaufort, ha annunciato di essere al lavoro su Spark, una Chrome App open source scritta in Dart per lo sviluppo di applicazioni web.

Sebbene siano molti gli aspetti per cui questo progetto risulta interessante, la caratteristica fondamentale è proprio la sua natura web-based: con Spark infatti anche i possessori di Chromebooks potranno avere finalmente a disposizione un ambiente di sviluppo integrato, completo di tutte le caratteristiche dei moderni IDE (come ad esempio l’integrazione con git, il popolare software di controllo versione), robusto ed eseguibile in locale. Spark costituisce inoltre un ottimo esempio di applicazione production-ready che combina Dart (core), Polymer (interfaccia grafica) e la libreria per l’interoperabilità con Javascript.

L’applicazione è in fase di sviluppo attivo — la maggior parte delle funzioni non sono ancora state implementate — e nonostante sia ancora pressoché inutilizzabile, abbiamo la possibilità di compilarla e testarla in Google Chrome, vediamo come fare:

  1. Scarichiamo il codebase da github e spostiamoci nella directory ide/:
    git clone https://github.com/dart-lang/spark.git
    cd spark/ide
  2. Esportiamo la variabile d’ambiente $DART_SDK in modo tale che essa punti alla directory contentente l’SDK di Dart:
    export DART_SDK=/home/utente/percorso/a/dart/dart-sdk
  3. Avviamo grind (il runner di Grinder.dart, un build system basato su task):
    ./grind deploy

Quest’ultimo comando compilerà l’app e ne genererà una copia completa in build/deploy, dopodiché verrà effettuata una nuova compilazione per rendere funzionanti i componenti di Polymer e infine l’app sarà compilata in Javascript.

Nota: gli step precedenti sono rivolti ad utenti Linux ed Apple OS X, le informazioni per la compilazione su macchine con Microsoft Windows sono disponibili sulla pagina Wiki/Building di Spark.

A questo punto non dovremo far altro che importare l’app in Google Chrome; digitiamo l’indirizzo chrome://extensions, attiviamo la modalità sviluppatore, scegliamo di caricare un’estensione non pacchettizzata e cerchiamo la directory /path/to/spark/ide/build/deploy-out/web.

Ora possiamo avviare Spark ed aprire un file o una directory esistente (la creazione di un nuovo file fa parte delle funzioni non ancora implementate); uno screenshot di Spark in azione:

Screenshot

Il progetto è disponibile su Github e chiunque può collaborare seguendo le linee guide messe a disposizione dal team di Dart.

Fonte | news.dartlang.org

Leave a Reply

Claudio d'Angelis Articolo scritto da

Programmatore e studente di Informatica, appassionato di musica, web e sistemi UNIX. Collabora con Googlab dall'Ottobre 2012.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: