[Translate] Ad un passo dal traduttore universale

Di - 14 October 2011 - in

Una delle cose che la fantascienza ha spesso regalato all’immaginario colletivo è quella del traduttore universale. Parlare nella propria lingua madre e riuscire a conversare con persone da ogni parte del mondo rappresenta per molte persone una barriera che solo la tecnologia è in grado di abbattere.. Fantascienza?
Forse no, grazie a Google e all’ultimo aggiornamento di Google Translate per Android.

 La diffusione dei dispositivi mobili è una cosa ormai nota. Con l’avvento degli smartphone, abbiamo accesso al web e a tutto un ecosistema di applicazioni utili praticamente ovunque.
Grazie alla massiccia presenza di questo tipo di tecnologia nelle nostre vite, l’introduzione di questo nuovo aggiornamento per Google Translate può rappresentare un ulteriore, deciso passo, nell’abbattimento di quella barriera rappresentata dalla lingua.

Con l’applicazione per Andorid e il suo ultimo aggiornamento, è ora possibile utilizzare la traduzione vocale in modalità speech to speech, alternando la traduzione tra due lingue differenti.
Il funzionamento è molto semplice. Dopo aver avviato l’applicazione, si selezionano due lingue. Si fa partire la conversazione selezionando l’icona del microfono a fianco del campo di ricerca e si parla nella propria lingua. A questo punto il traduttore restituirà l’audio della frase tradotta nella seconda lingua scelta grazie al programma di sintesi vocale. Dopo di che è possibile premere il pulsante e lasciare che la persona con il quale state conversando risponda nella propria lingua. Il traduttore farà il resto, restituendovi di nuovo l’audio della frase tradotta nella vostra lingua.

Al momento le lingue supportate sono 14:

  • Inglese
  • Spagnolo
  • Portoghese (Brasile)
  • Lingua ceca
  • Olandese
  • Tedesco
  • Francese
  • Italiano
  • Giapponese
  • Coreano
  • Mandarino
  • Polacco
  • Russo
  • Turco
Chiaramente l’applicazione non è perfetta, si tratta comunque di una funzione in fase beta, ma dai primi test che abbiamo effettuato dobbiamo dire che si comporta molto bene, sopratutto se utilizziamo frasi brevi.
Se qualcuno a modo di provarla “sul campo” ce lo faccia sapere nei commenti!
Nel frattempo vi lasciamo al video introduttivo:

Leave a Reply

Jacopo Rabolini Articolo scritto da

Technical lead e fondatore di Engeene. Si occupa di web design e web development nel tempo libero. Vorrebbe farne la sua professione. Ama il web, la tecnologia, lo spazio, i Lego, Doctor Who e un sacco di altre cose che gli hanno valso a volte l'appellativo di Nerd e altre quello di Geek.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: