Type Rider: un videogioco ci insegna la storia della tipografia

Di - 14 April 2014 - in
Post image for Type Rider: un videogioco ci insegna la storia della tipografia

Non è mia abitudine recensire videogiochi, soprattutto per quanto riguarda le piattaforme mobili. Tuttavia devo fare un eccezione per Type Rider, un capolavoro di rara bellezza e fascino.
Il gioco si pone l’obiettivo di guidare il giocatore attraverso la storia della tipografia, mostrando l’evoluzione di questa tecnica fondamentale della civiltà umana.

Gameplay

Il gameplay è piuttosto semplice. Type Rider si presenta come un platform bidimensionale in cui il giocatore interpreta un segno di punteggiatura costituito da due sfere che si muovono all’interno di diverse ambientazioni. Le sfere possono solamente muoversi avanti, indietro e saltare. Con questi pochi movimenti il giocatore deve risolvere semplici enigmi, trovare la strada superando alcuni ostacoli e catturare lettere e asterischi lungo il percorso. Ogni volta che un asterisco viene raccolto, il giocatore ha accesso ad una parte di storia della tipografia.


Ogni livello esplora, in ordine cronologico, un particolare tipo di carattere. Si parte dalle origini della scrittura, per passare al Gotico, il Garamond, il Didot, il Claredon, il Futura e via dicendo.

Grafica

Sebbene il gameplay sia molto semplice, nel complesso il gioco risulta estremamente piacevole, soprattutto per quel che concerne l’aspetto grafico, sonoro ed educativo.
Type Rider è un’opera dal design curato e quanto mai efficace.
Dal punto di vista visivo il gioco è davvero piacevole ed offre soluzioni grafiche raffinate. Le immagini piatte, stilizzate e monocromatiche, si fondono, spesso con sovrapposizioni e trasparenze, ad elementi presi dall’ambito storico di riferimento di ciascun livello. Molti elementi strutturali, su cui le sfere si muovono, sono costituiti da lettere appartenenti al font considerato. Questa è una soluzione che ho particolarmente apprezzato, in quanto permette di osservare le caratteristiche distintive dei diversi stili.


L’ultimo elemento da considerare è il suono ed anche qui il voto non può che essere molto positivo.

Conclusioni

Nel complesso Type Rider si presenta come un’esperienza decisamente poetica, completa di un giusto mix tra giocabilità, esperienza audiovisiva ed educativa. Sebbene nel complesso il gioco sia piuttosto semplice, ciò non toglie il gusto di esplorare i livelli ed imparare nozioni interessanti sulle epoche storiche ed i personaggi che hanno segnato la storia della tipografia. Dopo aver giocato a Type Rider guarderete con occhi diversi la scelta di una particolare e comune carattere come il Garamond sul vostro word processor.

 

Leave a Reply

Gabriele Visconti Articolo scritto da

Editor in Chief per Engeene. Appassionato di Linux, FOSS, videogame e, da poco, di cucina. Parla quattro lingue ed ama leggere libri in lingua inglese.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: