Ubuntu 13.10: Mir presente di default

Di - 1 July 2013 - in
Unity Mir Ubuntu

Gli sviluppatori annunciano che Ubuntu 13.10 userà il display server Mir in via predefinita.
Secondo i piani iniziali, Mir sarebbe dovuto arrivare solamente su Ubuntu 14.04 LTS, ma trattandosi proprio di una versione con supporto di 5 anni, potrebbe essere un errore introdurvi una novità così sostanziale ed importante. La decisione di inserire Mir in Saucy Salamander (il nome in codice per la versione 13.10) introduce una fase di test intensivi condotti da quasi tutti gli utenti che risulterà importantissima ai fini dello sviluppo per Ubuntu 14.04.

Attualmente solo i driver open source Intel, Radeon, Nouveau (nVidia) sono supportati da Mir, pertanto il display server sarà attivo solamente per queste configurazioni. Non solo: grazie ad XMir, il layer di compatibilità con il server X, sarà utilizzato Unity 7 come ambiente desktop predefinito. Unity 8 sarà la prima interfaccia grafica a girare nativamente su Mir, ma, dato l’attuale stato dei lavori, difficilmente sarà integrato in Ubuntu 13.10.

Per le configurazioni non supportate da Mir, invece, sarà ancora presente il server X.Org, il quale sarà però rimosso nella versione 14.04, per la quale ci si aspetta un pieno supporto dei driver. Questa versione, inoltre, sarà molto probabilmente la prima a vedere la presenza di Unity 8.

Mir è cresciuto molto negli ultimi mesi, come ci fa attentamente notare Olli Ries, Director of Product Strategy Engineering presso Canonical, che aggiunge:

Siamo fiduciosi del fatto che tutti gli ambienti desktop e derivate funzioneranno bene durante la transizione, data la nostra abilità di offrire un completo livello di compatibilità con X.

Nonostante gli sviluppatori di Kubuntu e Lubuntu abbiano deciso di non utilizzare il nuovo display server Mir, vi mostriamo un video nel quale i più diffusi ambienti desktop (Unity 7, KDE, GNOME, XFCE, LXDE) vengono avviati su di esso grazie al layer XMir.

Via | Phoronix

Leave a Reply

Emanuele Boncimino Articolo scritto da

Web designer, sviluppatore, tech specialist ed Android Guru: sono gli obiettivi
che vorrebbe raggiungere nel lungo termine. Mantiene un ottimo grado di
conoscenza del mondo racimolando news estere. Sempre alla ricerca di sfide che
possano nutrire la propria mente: Engeene è tra queste.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: