Windows 8.1: le principali novità dell’ultimo OS di casa Microsoft

Di - 12 November 2013 - in
Post image for Windows 8.1: le principali novità dell’ultimo OS di casa Microsoft

Da alcuni giorni Microsoft ha rilasciato sul proprio store Windows 8.1 per gli utenti Windows 8 e RT. Questo articolo nasce con lo scopo di offrire una panoramica generale delle principali feature che Microsoft ha introdotto con questa nuova release del suo sistema operativo.

Dopo le numerose critiche ricevute per gli stravolgimenti attuati su Windows 8, questo aggiornamento ha lo scopo di armonizzare meglio tra loro il mondo desktop e quello touch, migliorando l’usabilità generale del sistema seppur evitando di fare clamorosi passi indietro.

Il primo cambiamento che salta subito all’occhio è il ritorno del tasto Start, la cui reintroduzione era stata chiesta a gran voce da molti utenti. Tuttavia esso non è accompagnato da un vero e proprio menù come nelle vecchie versioni di Windows, ma rimanderà ad una rinnovata schermata Start e alla sua interfaccia Modern, mentre un click destro sullo stesso aprirà un piccolo menù dal quale si potrà accedere facilmente a diverse funzionalità come, ad esempio, il pannello di controllo, il prompt dei comandi e il task manager.

Altre novità molto richieste sono la possibilità di effettuare il boot direttamente su desktop, di utilizzare lo sfondo di quest’ultimo anche per la schermata Start ed infine di mostrare direttamente la lista a tutto schermo di tutti i programmi installati quando si preme il tasto Start. E’ possibile accedere a queste impostazioni dal menù Proprietà della barra delle applicazioni su desktop.

Migliora anche la gestione del multitasking per le cosiddette applicazioni Modern scaricabili da Windows Store. Se con Windows 8 era possibile visualizzare contemporaneamente solo due applicazioni Modern sullo schermo e non era possibile modificare a piacimento l’area occupata da quest’ultime, con Windows 8.1 questi limiti vengono meno ed è possibile affiancare (in base alla risoluzione del proprio schermo) fino a quattro applicazioni contemporaneamente, modificando a piacere l’area occupata da ognuna di esse.

Inoltre in Windows 8.1 Skydrive e Skype sono preinstallate e meglio integrate nel sistema. Skydrive, il servizio di cloud storage di Microsoft, è accessibile direttamente da Esplora File e offre funzionalità interessanti come la possibilità di visualizzare le proprietà di un file senza che esso sia stato effettivamente scaricato in locale, mentre Skype ha preso definitivamente il posto dell’ormai dismesso Windows Live Messenger.

Ulteriori migliorie riguardano la nuova funzionalità di ricerca denominata Bing Smart Search integrata nel sistema operativo, che oltre a cercare tra applicazioni e file locali, estende la ricerca anche al web e ai contenuti offerti dalle applicazioni installate da Windows Store.

L’ultima novità, ma non per questo meno importante, viene rappresentata da Internet Explorer 11, il browser predefinito di Windows. Le principali migliorie riscontrabili in questa undicesima versione, oltre ad un generale miglioramento delle prestazioni rispetto a IE10, sono una migliore gestione dei preferiti nella versione Modern e il supporto a WebGL per la visualizzazione di contenuti 3D su browser. Migliora inoltre anche la compatibilità con gli standard definiti dal W3C, rendendo Internet Explorer un po’ più in linea a web browser come Chrome e Firefox.

Disponibile dal 17 Ottobre, Windows 8.1 ha già conquistato un market share dell’1,72% secondo Net Applications, ma solo il tempo ci dirà se questa nuova versione riuscirà a eliminare le titubanze del pubblico nei confronti dei nuovi sistemi operativi Microsoft.

Leave a Reply

Ivan Maltese Articolo scritto da

Attratto fin da piccolo da ogni genere di oggetto tecnologico, inizia a muovere i primi passi su Windows 3.11 in tenera età. Negli anni sviluppa la sua passione specialmente in campo videoludico, senza però trascurare gli altri aspetti dell'informatica. Utilizzatore di prodotti e servizi Microsoft, attualmente studia Ingegneria Informatica al Politecnico di Milano.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: