Xposed Framework ridurrà il ricorso alle custom ROM

Di - 18 June 2013 - in
Post image for Xposed Framework ridurrà il ricorso alle custom ROM

Il punto di forza di Android è sicuramente l’alto grado di personalizzazione offerto. Le vette delle modifiche grafiche e non, possono essere toccate spesso da sviluppatori esperti che lavorano sulle ROM in un team di sviluppo indipendente (CyanogenMod ed altri) oppure per i produttori hardware. Tutti i loro sforzi si concentrano nella realizzazione di un sistema a misura d’utente, che spesso contrappone interfacce grafiche ricercate (TouchWiz di Samsung) a uso del 3D spinto (Sense di HTC). Chi volesse utilizzare un compromesso tra le varie soluzioni offerte dai produttori e vedere qualcosa che sia vicino ai propri bisogni finora era destinato ad imbattersi nel circolo vizioso del backup-flash-rispristino.

Ora, grazie a Xposed Framework, lavoro dello sviluppatore rovo89, si potrà usufruire di un potente strumento per la personalizzazione di Android, perfino nella versione stock. L’app mette a disposizione di tutti i processi (siano essi framework, interfacce o semplici app) le classi di tutte le applicazioni, anche quelle di sistema. Così il metodo richiamato potrà essere modificato in ogni classe. La creatura di rovo89 codifica i cambiamenti apportati in un nuovo file APK e lo installa sul dispositivo, eliminando di fatto la decompilazione (tecnica di reverse engineering) o la creazione di una versione differente delle ROM installata. Se poi si ha bisogno di effettuare un aggiornamento ad una nuova versione di Android (dalla 4.1 alla 4.2 ad esempio), nulla è stato finora più semplice. Basterà infatti caricare (flashare) un file che disabiliti il framework utilizzato al momento.

Installare il tool è molto semplice: basta scaricare il file zip dalla discussione su XDA ed installarlo da recovery. Per iniziare a personalizzare Android si può fare affidamento anche ad alcuni moduli compilati da altri utenti presenti sempre su XDA, oppure creare il proprio. Inoltre l’intero progetto è open source, quindi se si vuole contribuire allo sviluppo bisogna solo farsi avanti.

Via | XDA

Leave a Reply

Emanuele Boncimino Articolo scritto da

Web designer, sviluppatore, tech specialist ed Android Guru: sono gli obiettivi che vorrebbe raggiungere nel lungo termine. Mantiene un ottimo grado di conoscenza del mondo racimolando news estere. Sempre alla ricerca di sfide che possano nutrire la propria mente: Engeene è tra queste.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: