Yahoo! Italia chiude i battenti

Di - 18 February 2014 - in
Post image for Yahoo! Italia chiude i battenti

L’arrivo della primavera segnerà la dipartita di Yahoo! dall’Italia. Con conseguenze fiscali e di privacy.

Anche se la notizia circolava già da tempo, da qualche giorno è stata ufficializzata da Yahoo! con una email inviata ai suoi utenti. Il 21 marzo del 2014, dice l’email, Yahoo! Italia s.r.l. chiuderà i battenti e trasferirà tutto il personale operativo nella sede Irlandese. Secondo Marissa Meyer, amministratore delegato di Yahoo!, la decisione è dovuta ad un più ampio piano di riorganizzazione interna dell’azienda statunitense. Infatti verranno richiamati in sede anche tutti i telelavoratori di Yahoo! che ora non potranno più lavorare da casa.

Per quanto riguarda gli utenti dei servizi dell’azienda (tra cui  flickr) si pone ora il problema privacy. Tutti gli utenti italiani, infatti, non saranno più sottoposti ai termini di servizio di Yahoo! Italia, ma a quelli di Yahoo! EMEA, con sede in Irlanda. Anche se entrambe le sedi sono vincolate dalle direttive europee sulla privacy, e quindi non dovrebbero insorgere particolari problemi, Yahoo! fornisce ai suoi utenti informazioni dettagliate su come abbandonare il servizio nel caso i nuovi termini di servizio siano considerati inaccettabili.

Le dichiarazioni della Meyer dimostrano che Yahoo! non sta abbandonando una nave che affonda: sta solo riorganizzando i suoi assetti in modo più efficiente e razionale per non disperdere risorse umane e tecnologiche. Infatti anche sul sito francese di Yahoo! compare lo stesso avviso di trasferimento in Irlanda che compare sul sito italiano. La scelta dell’Irlanda, quindi, potrebbe non essere dovuta solo alla migliore fiscalità ma anche a una reale migliore competenza organizzativa della nazione che più di tutte ospita le sedi delle multinazionali.

Fonti: Il fatto quotidiano

Leave a Reply

Marco Buschini Articolo scritto da

Da sempre appassionato di informatica e di scrittura fonde queste due passioni collaborando con Engeene. L’attuale crisi economica lo condanna ad essere attualmente in cerca di occupazione stabile.

Contatta l'autore

Previous post:

Next post: